Si continua da qui.

Abbiamo analizzato i caratteri fondamentali della relatività generale. Facciamo un breve riassunto e concludiamo questa passeggiata…

Bene, per la relatività, la gravità può essere spiegata come la deformazione dello spaziotempo da parte di grandi masse. Tutte le altri masse seguono queste curvature.

La gravità viaggia alla velocità della luce. Conseguenza di questo, l’esistenza delle onde gravitazionali.

In zone dove è presente una grande massa, i tempi e le lunghezze subiscono gli stessi effetti che si trovano nella relatività ristretta, ma con le seguenti formule:

G è la costante gravitazionale, M la massa del corpo che attira, r il suo raggio, e c la velocità della luce. Tzero il tempo per chi si trova nel campo gravitazionale. In questo caso, tutti i corpi sono però fermi.

Per la massa:

m’=(m/√(1-2GM/(rc )))-(Σ/c )

Σ è l’energia potenziale gravitazionale.

Per le lunghezze invece possiamo usare la stessa formula del tempo, come era nella relatività ristretta.

Basta con le formule. Qui abbiamo visto solo quelle con tutti i corpi coinvolti fermi, altrimenti le cose si complicano. Senza contare i calcoli per determinare la curvatura dello spaziotempo.

In definitiva, per ora, questa è la migliore teoria della gravitazione che abbiamo ,anche se è parecchio complessa.

Next: ‘Meccanica quantistica.

 

Leave a Reply